Per l’appuntamento con la rubrica ‘Finlombarda si racconta’ oggi intervistiamo il Vice Direttore Generale di Finlombarda Spa, Francesco Acerbi

Per l’appuntamento con la rubrica ‘Finlombarda si racconta’ oggi intervistiamo il Vice Direttore Generale di Finlombarda Spa, Francesco Acerbi, sulla capacità di erogare credito della finanziaria regionale e sul ruolo strategico nel finanziamento delle infrastrutture per la mobilità.  
 
D. Finlombarda oltre a essere società in house di Regione Lombarda è anche intermediario finanziario vigilato da Bankitalia. In quale opportunità di finanziamento per il tessuto produttivo si concretizza questa doppia natura?  
 
Come intermediario finanziario, Finlombarda eroga credito utilizzando risorse proprie e offrendo opportunità di finanziamento – anche in compartecipazione con investitori istituzionali e banche – a condizioni competitive o per target specifici di impresa tramite la creazione della nuova area 'Finlombarda Corporate Banking'.

Ne sono un esempio la sottoscrizione di minibond e basket bond con durate più lunghe, i finanziamenti per aziende in fase di ristrutturazione o rilancio abbinati a una garanzia regionale gratuita (Turnaround financing), la partecipazione in ‘pool’ con altri istituti finanziari a prestiti sindacati per la realizzazione di importanti piani di investimento (Syndicated loans) da parte di Pmi e midcap, l’offerta di co-finanziamenti insieme al sistema bancario per soddisfare l’esigenza di capitale circolante nella fase della ripartenza (Più Credito Liquidità), che prevedono rimborsi fino a 72 mesi (di cui massimo 24 di preammortamento).
 
D. In che cosa consiste l’attività di assistenza a Regione Lombardia nella strutturazione di operazioni in settori strategici per la competitività del territorio come le infrastrutture e i trasporti?   
 
Finlombarda ha affiancato Regione Lombardia nel potenziamento del trasporto passeggeri regionale tramite la sottoscrizione di un bond emesso nel 2015 dal Gruppo FNM Spa, principale gruppo integrato nel trasporto e nella mobilità in Lombardia, e del corpo autostradale regionale tramite la partecipazione a un’operazione di finanziamento di Milano Serravalle - Milano Tangenziali Spa, concessionaria dell’Autostrada A7 (Milano - Serravalle Scrivia) e di tre tangenziali milanesi (A50 Tangenziale Ovest, A51 Tangenziale Est, A52 Tangenziale Nord), nonché gestore della Tangenziale Ovest di Pavia (A54) e del Raccordo autostradale Bereguardo-Pavia (A53), per un totale di 180 km.  È inoltre attiva presso la società finanziaria l’iniziativa Credito PPP che finanzia gli investimenti in opere e servizi pubblici o di pubblica utilità, sostenuti da imprese aggiudicatarie di concessioni e contratti di partenariato pubblico-privato.
 
D. Quanto pesa la solidità della società sulla capacità di erogare credito alle imprese?
 
Finlombarda, potendo contare su un robusto patrimonio espresso da un CET1 ratio pari al 65,04 percento e su un rating BBB- (equivalente a quello dell’Italia) assegnato da Fitch Ratings, è in grado di mobilitare risorse a valere sul suo patrimonio e di fare da catalizzatore anche di risorse provenienti dall’Ue a favore delle imprese del territorio.