Finlombarda entra nel vivo del dibattito sulle nuove proposte di regolamento della Commissione Europea per il periodo 2021-2027

Anche Finlombarda era presente al Convegno organizzato da EAPB (Associazione Europea delle Banche Pubbliche), che si è tenuto a Bruxelles lo scorso 10 ottobre, entrando così nel vivo e da protagonista nel dibattito in corso sulle nuove proposte di regolamento per il Post 2020, con particolare riferimento alla strumentazione finanziaria e alle politiche di coesione.
L’evento, dal titolo il “Ruolo delle Banche pubbliche nella gestione dei Fondi europei”, era inserito nella cornice della “Settimana delle Regioni e delle Città” svoltosi quest’anno presso lo Square building di Bruxelles, dove si sono incontrati migliaia di stakeholder in un centinaio di meeting organizzati da Commissione e Comitato delle regioni con a tema il futuro delle politiche di coesione.
Nel corso del Convegno sono stati dati, dai rappresentanti della Commissione e del Parlamento ivi presenti, gli ultimi aggiornamenti sul corso del negoziato, evidenziando le differenze con l’attuale ciclo di programmazione, soprattutto in chiave di semplificazione e nuove modalità di governance (Invest EU) e sono state messe a tema, insieme alle buone pratiche, esplicite richieste provenienti da quegli Istituti finanziari, come appunto Finlombarda e la Banca di Sviluppo Ungherese (entrambi partner di EAPB), coinvolti nell’attuazione di tali politiche in quanto capaci di tradurre finalità pubbliche in regole di operatori privati.


Michele Vietti, Presidente di Finlombarda e Membro del Comitato direttivo di ANFIR (Associazione Nazionale delle Finanziarie Regionali) ha ribadito l’importanza di valorizzare tali istituti nel processo di rafforzamento delle politiche di coesione: “L’apertura sempre più accentuata alla strumentazione finanziaria per l’attuazione delle politiche di coesione europea post 2020 implica un cambio di passo anche a livello locale. In Italia occorre rafforzare quegli Istituti finanziari capaci di coniugare le regole di mercato con le finalità pubbliche in modo da accompagnare lo sviluppo dei nostri territori".


Al Convegno hanno partecipato il Direttore della CE DG Regio - Direzione Strumenti finanziari, Dr. Eric von Breska, l’On. Andrey Novakov, Membro della Commissione bilancio post 2020 e relatore per la il futoro della Politica di Coesione e la Dr.ssa Cecilia Gyalog, Direttore della Banca di sviluppo Ungherese – Direzione coordinamento fondi europei. La tavola rotonda è stata moderata da Jean Comte, giornalista esperto di tematiche economico finanziarie.
Agli atti del Convegno è stata lasciata copia della prima versione del Position Paper “Programmazione Europea e Strumenti finanziari”, redatto da Finlombarda con la collaborazione di ANFIR ed EAPB, in corso di pubblicazione.

 


Profilo EAPB
L'Associazione europea delle banche pubbliche (EAPB) è la voce del settore bancario pubblico europeo. L'EAPB rappresenta direttamente e indirettamente oltre 90 istituzioni finanziarie con un totale attivo complessivo di oltre € 3.500 miliardi e una quota di mercato del 15% del settore finanziario europeo. I membri EAPB sono banche promozionali nazionali e regionali, agenzie di finanziamento municipali e banche commerciali pubbliche in tutta Europa. I membri EAPB forniscono servizi finanziari e finanziamenti per progetti che sostengono lo sviluppo economico e sociale sostenibile, tra cui attività che vanno dal finanziamento di aziende e la promozione di un'economia più verde al finanziamento di alloggi sociali, assistenza sanitaria, istruzione e infrastrutture pubbliche a livello nazionale, regionale e locale.