CONSULTAZIONE PUBBLICA

 

I programmi di lavoro nelle aree di specializzazione

Nello scenario disegnato dalla nuova Strategia regionale di Specializzazione Intelligente in materia di Ricerca e Innovazione (S3), approvata con DGR 1051 del 5 dicembre 2013 e aggiornata con DGR 2146 del 11 luglio 2014, le priorità di intervento sono declinate per “area di specializzazione” passando da una visione per settori verticali ad una per sistemi di competenze.

Regione Lombardia ha individuato, dopo una fase di razionalizzazione, le seguenti aree di specializzazione:
 
  • Aerospaziale
  • Agroalimentare
  • Eco industria
  • Industria della salute
  • Industrie creative e culturali
  • Manifatturiero avanzato
  • Mobilità sostenibile
     

Per attuare la strategia, a ciascuna delle aree di specializzazione corrisponderà un “programma di lavoro” che ne declinerà gli obiettivi strategici in termini di tematiche concrete che saranno oggetto di specifici bandi e inviti a presentare proposte a valere sulla nuova programmazione.

Al fine di valorizzare le competenze sviluppate e garantire il miglior recepimento delle aspettative in materia di ricerca e innovazione dei portatori di interesse che operano sul territorio regionale, la Direzione Generale Attività Produttive, Ricerca e Innovazione di Regione Lombardia avvia la consultazione pubblica a cui la invitiamo a partecipare restituendo entro e non oltre il 15 settembre 2014 la scheda “Consultazione Pubblica”.

Scopo di questa fase di consultazione pubblica è raccogliere ulteriori esigenze e necessità provenienti dal mondo dell’industria, della ricerca e della società al fine di migliorare e completare la programmazione degli interventi regionali in materia di ricerca e innovazione.

Il documento contenente i “programmi di lavoro” nella sua versione di bozza, è stato elaborato in coerenza con il quadro di riferimento europeo e con il contributo preliminare di esperti di settore e dei Cluster Tecnologici Lombardi.

I programmi di lavoro sono strutturati in due livelli di dettaglio:
il primo livello è rappresentato da “macrotematiche” di sviluppo tecnologico e per ogni macrotematiche un secondo livello di dettaglio con “temi di sviIuppo tecnologico” specifici.
Ciascuna macrotematica e tema di sviluppo è contraddistinto da un codice che permette una precisa e univoca identificazione.