In breve

TEMA

Agevolazioni finanziarie per la cooperazione

DIREZIONE REGIONALE

Direzione Attività Produttive Ricerca e Innovazione. U.O. Competitività, Imprenditorialità e Accesso al Credito

CONTATTI

infolr01coop@finlombarda.it

SITO

www.industria.regione.lombardia.it

www.finlombarda.it  


 

FRIM (FONDO DI ROTAZIONE PER L'IMPRENDITORIALITA'): LINEA DI INTERVENTO "COOPERAZIONE"
SPORTELLO SOSPESO PER ESAURIMENTO RISORSE 

Decreto n. 2771 del 28 febbraio 2018

 

B.U.R.L. Serie Ordinaria n. 10 del 7 marzo 2018
Legge regionale 1/2007
DGRN VIII/11329 del 10 febbraio 2010


Cos’è
Un’iniziativa che intende sostenere gli investimenti delle le imprese cooperative e dei loro consorzi.

Dotazione finanziaria
Dotazione iniziale 2 milioni di Euro, oltre alle risorse derivanti dalle disponibilità residue, nonché dai rientri dei finanziamenti precedentemente concessi con i fondi rotativi ex Foncooper ed ex LR 21/03

A chi si rivolge
Imprese cooperative e loro consorzi che rientrano nella definizione di piccola e media impresa e che abbiano sede operativa in Lombardia. Le cooperative alla data di presentazione della domanda devono essere iscritte o aver richiesto l’iscrizione negli Albi e Registri previsti dalla normativa vigente; le cooperative sociali e loro consorzi devono essere iscritte all’Albo regionale istituito ai sensi della L. 381/91. Non rientrano nei soggetti ammissibili le cooperative edilizie e di abitazione e quelle che operano nei settori esclusi di cui al Reg. CE 1998/2006 (de minimis).

Cosa finanzia

Il Frim Cooperazione sostiene lo sviluppo delle imprese cooperative e dei loro consorzi mediante la concessione di finanziamenti a tasso agevolato a fronte di investimenti strumentali all’attività.

Condizioni dei finanziamenti
L’entità delle spese del progetto di investimento agevolabile non potrà essere inferiore a € 25.000,00 e non potrà essere superiore a € 1.000.000,00. Per le cooperative costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione la spesa d’investimento ammissibile all’intervento finanziario è compresa tra un minimo di € 20.000,00 ed un massimo di € 250.000,00. Trattandosi di programmi di spesa, l’acquisto di un singolo bene non costituisce un progetto di investimento ammissibile.
L’investimento è agevolabile fino ad un massimo del 80% dell’investimento ammesso. L’intervento potrà essere elevato fino al 100% in presenza di programmi di investimento per l’acquisizione di beni strumentali finalizzati all’inserimento lavorativo di persone svantaggiate (L. 381/91 e Reg. CEE 2204/2002) e programmi di tutela dell’ambiente di lavoro.
Il programma di investimento dovrà essere iniziato successivamente alla data di presentazione della domanda e deve essere ultimato entro 12 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione, elevato a 18 mesi per investimenti a carattere immobiliare. L’avvio del progetto deve avvenire entro due mesi dalla data di concessione. Nel caso di locazione finanziaria il contratto dovrà essere stipulato successivamente alla domanda di agevolazione.
Il finanziamento è  a tasso agevolato; la durata è prevista  fino ad un massimo di 7 anni di cui fino ad un massimo di 2 anni di preammortamento. In presenza di investimenti di carattere immobiliare la durata potrà essere elevata sino a 12 anni.
La quota del fondo regionale è prevista per le cooperative sociali è pari al 70% dell’intervento finanziario complessivo, per le altre cooperative è pari al 50% dell’intervento finanziario complessivo; la restante quota dell’intervento è a carico degli Istituti di credito convenzionati.
Il tasso d’interesse, in funzione della tipologia di cooperativa, è pari alla media ponderata dei tassi applicati sul Fondo regionale e sulla quota bancaria.
Si ripartisce come segue:

  • Cooperative sociali: tasso fisso dello 0,10% nominale annuo applicato sulla quota di intervento a carico del Fondo regionale; tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 0,90% annuo applicato sulla quota degli Istituti di Credito.
  • Altre cooperative: tasso fisso dello 0,50% nominale annuo applicato sulla quota di intervento a carico del Fondo regionale; tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 1,30% annuo applicato sulla quota degli Istituti di Credito

La locazione finanziaria strumentale è a tasso agevolato; la durata è prevista fino ad un massimo di 7 anni. La quota del fondo regionale è prevista per le cooperative sociali è pari al 70% dell’intervento finanziario complessivo, per le altre cooperative è pari al 50% dell’intervento finanziario complessivo; la restante quota dell’intervento è a carico delle Società di leasing convenzionate.
Il tasso d’interesse, in funzione della tipologia di cooperativa è pari alla media ponderata dei tassi applicati sul Fondo regionale e sulla quota della Società di leasing.

Si ripartisce come segue:

  • Cooperative sociali: tasso fisso dello 0,10% nominale annuo applicato sulla quota di intervento a carico del Fondo regionale; tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 1,70% annuo applicato sulla quota delle Società di leasing.
  • Altre cooperative: tasso fisso dello 0,50% nominale annuo applicato sulla quota di intervento a carico del Fondo regionale; tasso variabile (Euribor) o fisso (IRS) + spread massimo di 2,00% annuo applicato sulla quota delle Società di leasing.


Spese ammissibili
Il Frim Cooperazione finanzia l’acquisto di beni strumentali nuovi o usati (Reg. CE 448/2004) quali attrezzature, macchinari, impianti specifici, arredi e automezzi strumentali;
acquisto, impiantistica generale e ristrutturazione degli immobili sede dell’attività;
solo per le cooperative costituite da non più di 12 mesi dalla presentazione della domanda di agevolazione: oneri di locazione dell’immobile sede dell’attività per un anno;
acquisizione di servizi reali, forniti sulla base di appositi contratti, per l’aumento della produttività, il trasferimento di tecnologie progettuali, organizzative e produttive, ricerca di nuovi mercati e sviluppo di sistemi di qualità;
acquisto di brevetti, licenze di produzione, software destinato alla produzione / gestione;
spese esterne per la formazione del personale (max 10% del programma di investimento ammissibile); spese generali (max 5% del programma di investimento ammissibile).
 
Come presentare la domandare
Il bando è a sportello. La domanda dovrà essere presentata esclusivamente attraverso la modalità informatica presente sul sito: https://gefo.servizirl.it/
Nell’apposita sezione del sito saranno disponibili le modalità di accesso previa registrazione e rilascio dei codici di accesso personali (login/password). L’impresa richiedente, una volta completata la compilazione della domanda, oltre all’invio telematico della stessa dovrà stampare l’apposito modulo di adesione, compilarlo, firmarlo in originale e inviarlo, debitamente bollato, al Soggetto Gestore entro e non oltre 10 giorni dall’invio informatico. Le cooperative sociali sono esentate dall’imposta di bollo sulla domanda.
Il modulo dovrà essere corredato da copia fotostatica della carta d’identità del legale rappresentante in corso di validità e dalla documentazione richiesta.

Per informazioni
FINLOMBARDA S.p.A
Direzione Credito e Servizi alle Imprese
Leonardo Cisternino, rel.: 02.607441
email: infolr01coop@finlombarda.it
www.finlombarda.it

REGIONE LOMBARDIA
Direzione Attività Produttive Ricerca e Innovazione
Tel.: 02.67651
www.industria.regione.lombardia.it

Per presentare la domanda: https://gefo.servizirl.it



 

 


Visualizzati 7 record.