FONDO DI ROTAZIONE PER ADEGUAMENTO TECNOLOGICO DI SALE DESTINATE AD ATTIVITA' DI SPETTACOLO: ACQUISTO E INSTALLAZIONE DI APPARECCHIATURE DIGITALI ADIBITE ALLA PROIEZIONE - EX ART. 5 L.R. 30.7.2008 N.21

 

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Enti locali, altri soggetti pubblici, soggetti privati con personalità giuridica, enti ecclesiastici e parrocchie.

DOTAZIONE BANDO

Il Bando ha una dotazione di 1,5 Milioni di Euro

FINALITÀ E ATTIVITÀ FINANZIABILI

Il Bando vuole promuovere interventi di adeguamento tecnologico di sale destinate prevalentemente all’esercizio cinematografico per l’acquisto e l’installazione di apparecchiature digitali adibite alla proiezione.

DURATA DEI PROGETTI

I progetti di investimento dovranno essere avviati successivamente alla data di pubblicazione del presente Bando sul BURL e comunque entro e non oltre 180 giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla data di pubblicazione sul BURL del Decreto di concessione degli interventi finanziari, e dovranno comunque essere realizzati entro un anno dalla data di avvio del progetto.

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le spese, sostenute successivamente alla data di pubblicazione del presente Bando sul BURL regionale, di seguito elencate:
• acquisto di apparecchiature digitali adibite alla proiezione, compresi gli accessori necessari per l’installazione;
• opere strettamente funzionali all’installazione delle apparecchiature di proiezione.

AMMONTARE E CONDIZIONI DELL’INTERVENTO FINANZIARIO

L’intervento finanziario non potrà essere superiore al 70% del totale delle spese ammesse al netto d’IVA, comunque per un importo non superiore ad €. 70.0000,00, e si compone di una quota pari al 75% concessa a titolo di finanziamento agevolato e di una quota pari al 25% concessa a titolo di contributo a fondo perduto.

Durata
Da un minimo di 3 anni fino ad un massimo di 5 anni con la possibilità di un periodo di preammortamento massimo di un anno
Tasso applicato
Nessun interesse applicato sui finanziamenti erogati fatta eccezione per i soggetti beneficiari che agiscono in regime d’impresa, per i quali sarà applicato un tasso pari a 0,5% fisso nominale annuo nel rispetto delle disposizioni di cui all’art. 72 della Legge 289/2002 “Finanziaria 2003”.
Rimborso
Rate semestrali posticipate costanti con scadenza 30 giugno e 31 dicembre.

Le condizioni applicate agli interventi finanziari concessi a favore di Enti Locali saranno adeguate a quanto previsto dall’art. 204 del d.lgs. 267/2000 Testo Unico degli Enti Locali e successive modifiche e integrazioni.

GARANZIE

A fronte dell’intervento finanziario verrà richiesta una garanzia a copertura della quota di finanziamento oltre interessi contrattuali secondo le seguenti modalità:
• Per gli Enti Locali: delegazione di pagamento rilasciata dal tesoriere;
• Per gli altri soggetti pubblici: fideiussione bancaria / assicurativa o delegazione d pagamento rilasciata dal tesoriere;
• Per i soggetti privati con personalità giuridica: fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa;
• Per gli enti ecclesiastici e parrocchie: fideiussione della Curia Vescovile o, in alternativa, fideiussione bancaria o assicurativa.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

A bando: Apertura 17/10/2012 - Chiusura 19/11/2012.
La domanda di partecipazione al bando deve essere presentata entro e non oltre il 19 novembre 2012 h. 16.30 ed esclusivamente on line al seguente indirizzo telematico: https://gefo.servizirl.it/.
La domanda on-line contiene apposite sezioni che devono essere compilate in ogni loro parte, pena l’inammissibilità della domanda, che dovrà essere opportunamente validata mediante l’apposizione della firma elettronica o digitale da parte del legale rappresentante e/o firmatario. La data di protocollazione della domanda viene generata solo successivamente al pagamento del bollo virtuale tramite la sezione online del portale GEFO.

MODALITÀ DI VALUTAZIONE DELLE DOMANDE

Le valutazioni effettuate verranno esaminate ed approvate dal Comitato Tecnico di Valutazione appositamente costituito con decreto del Direttore competente.
Il Comitato Tecnico, conclusa l’istruttoria, redigerà una graduatoria da sottoporre al Direttore competente che, con proprio atto, decreterà:
• gli Interventi Finanziari ammessi a contributo, gli Interventi Finanziari ammissibili ma non finanziabili (nel caso in cui, pur superata positivamente la fase di valutazione, non può essere attribuito il contributo richiesto per mancanza di risorse finanziarie disponibili), le Domande non ammissibili (in caso di mancanza dei requisiti di ammissibilità o per esiti negativi della fase istruttoria);
• l’importo dell’Intervento Finanziario concesso;
• la durata del Finanziamento;
• la garanzia richiesta;
• i termini entro i quali, a pena di decadenza, i Progetti dovranno essere realizzati.

EROGAZIONE DELL’INTERVENTO FINANZIARIO

L’intervento finanziario sarà erogato in due tranches secondo le modalità di seguito indicate:
• una prima tranche pari al 75% dell’intero intervento finanziario, corrispondente alla quota di finanziamento, sarà erogata a titolo di anticipazione finanziaria a seguito dell’avvenuta stipula del contratto di intervento finanziario;
• una seconda tranche a saldo pari al 25% dell’intero intervento finanziario, corrispondente alla quota di Contributo, a fronte dell’avvenuta rendicontazione della totalità dei titoli di spesa ammessi ad agevolazione, da effettuarsi a mezzo di dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi del D.P.R. n.445/2000.

Ai fini della concessione dell’intervento finanziario sarà verificato l’assolvimento degli adempimenti previdenziali da parte del soggetto beneficiario qualora lo stesso operi come “operatore economico” sulla base della dichiarazione rilasciata in sede di domanda.
In base al disposto della legge 136/2010 “Tracciabilità flussi finanziari”, i pagamenti ai fornitori dovranno avvenire esclusivamente a mezzo bonifico bancario o postale o carta di credito aziendale come previsto dall’art.3 comma 1 e 3 della citata legge.

REGIME DI AIUTO

Nel caso di iniziative il cui beneficiario agisca in regime d’impresa, gli interventi finanziari saranno concessi nei limiti del regolamento comunitario “de minimis” n. 1998/2006 della Commissione Europea del 15 dicembre 2006.

RIF. NORMATIVO

Legge Regionale 30.07.2008 n. 21;
D.d.s. n. 8145 del 21/09/2012, Presidenza.

LINK:

Sito internet Regione Lombardia: http://www.lombardiaperilcinema.regione.lombardia.it
Presentazione della domanda di agevolazione: https://gefo.servizirl.it/

PER INFORMAZIONI:

• Esclusivamente sugli aspetti economici/finanziari:
Finlombarda SpA - Ufficio Credito
Tel. 02607441
e-mail: digitalizzazionesale@finlombarda.it

• Sugli aspetti tecnici e le tipologie di intervento:
Struttura Cinema - DC Programmazione Integrata - Regione Lombardia;
Tel. 02/67654469 02/67653858 02/67652714
e-mail cinema@regione.lombardia.it

• Responsabile del procedimento:
Dott. Alberto Garlandini
Direttore Funzione Specialistica
Struttura Cinema - DC Programmazione Integrata - Regione Lombardia.


Visualizzati 3 record.